CHE COS' HAI IN DISPENSA?

Aceto Balsamico Acqua di Fiori D' Arancio Alloro Ananas Arance Arrosto di Tacchino Asparagi Besciamella Birra Broccoli Cacao Amaro Caciocavallo Caciotta Caffè Calamari Canditi Cannella Capperi Carciofi Carote Carote Nere Carpaccio di Manzo Castagne Cavolfiore Cavolo Cappuccio Cavolo Nero Ceci Chorizo Cioccolato Fondente Cipolle Cipollotti Clementine Colla di Pesce Coloranti Alimentari Cotechino Cous Cous Cozze Curry Erba Cipollina Estratto di Carne Fagioli Fagiolini Farina di Ceci Farina di Nocciole Farina Integrale Filetto di Maiale Fontal Fontina d' Aosta Formaggino Fragole Funghi Champignon Gallinella di Mare Gamberetti Gamberoni Glassa di Aceto Balsamico Gorgonzola Grana Padano Grano Cotto Insalata Kiwi Latte Lenticchie Lievito di Birra Lievito Vanigliato per Dolci Limone Lonza di Maiale Mais Mandorle Marron Glacé Mascarpone Melanzane Mele Melograno Melone Menta Miele Mozzarella Noce Moscata Noci Olive Orata Pandoro Panna Panna da Cucina Panna da Montare Paprika Parmigiano Reggiano Passata di Pomodoro Pasta Pasta Fresca Pasta Frolla Pasta Sfoglia Patate Pecorino Pepe Rosa Peperoncino Peperoni Pesce Persico Petto di Pollo Philadelphia Philadelphia Milka Piselli Pistacchi Platessa Pollo Pomodori Porri Preparato per Gelatina Dolce Prodotti per Pasticceria Prosciutto Cotto Rhum Ricotta Riso Robiola Salmone Salmone Affumicato Salsa di Soia Salsa Tonnata Salsiccia Salvia Scamone Scampi Sedano Semi di Sesamo Sfoglia per Lasagne Sottilette Spinaci Spumante Spuntì Surimi Tonno in Scatola Topping al Cioccolato Triglie Uova Vaniglia Vermouth Verza Verzini Vodka Yogurt Zafferano Zenzero Zucchero a Velo Zucchero di Canna Zucchine Zucchine Tonde

Cerca in questo Blog

sabato 31 dicembre 2011

CROCCHETTE DI LENTICCHIE


Questa ricetta è un idea per presentare diversamente dal solito le lenticchie durante il cenone di Capodanno, ma può anche essere usata come idea per riciclare tutte quelle che inevitabilmente avanzano. Nella foto le vedete servite con il cotechino in crosta.
Tanti Auguri di Buon Anno a tutti!

INGREDIENTI:
150 gr. di lenticchie
50 gr. di Parmigiano o Grana grattugiato
2 uova
pan grattato
farina
mezzo dado per brodo
olio d' arachidi
sale


Mettete a bagno le lenticchie per qualche ora, scolatele e cuocetele in una casseruola con circa un litro d' acqua ed il dado finchè tutta l' acqua non sarà assorbita.

Lasciatele raffreddare ed aggiungete un uovo, il Parmigiano o Grana e tanto pan grattato quanto basta per ottenere un composto sodo, facilmente lavorabile con le mani. Se necessario aggiustate di sale.

Formate delle polpettine, infarinatele, passatele nell' uovo sbattuto e poi nel pan grattato. Friggetele in abbondante olio d' arachidi bollente finchè non saranno dorate.

mercoledì 28 dicembre 2011

COTECHINO IN CROSTA


I classicissimi cotechino e lenticchie per la cena di San Silvestro si sono "travestiti" per dare al vostro menù un tocco di originalità. Il cotechino è finito in crosta, niente di più semplice, e le lenticchie sono diventate delle crocchette: per questa seconda ricetta cliccate qui!

INGREDIENTI:
1 cotechino
1 rotolo di pasta sfoglia pronta preferibilmente rettangolare
1 uovo

Bucherellate il cotechino con una forchetta e lessatelo in abbondante acqua bollente per circa un' ora. Se utilizzate un cotechino precotto, invece, seguite le istruzioni sulla confezione ma riducete leggermente il tempo di cottura: andrà finito in forno.

Lasciatelo raffreddare, privatelo del budello ed arrotolatelo nella pasta sfoglia, chiudendo i bordi a caramella.

Spennellate la superficie con un tuorlo d' uovo ed infornate a 200° per circa mezz' ora.

giovedì 22 dicembre 2011

GINGERBREAD MEN


Eccoli... Li ho promessi e li ho fatti... I simpaticissimi omini di pandizenzero, ed ovviamente anche la sottoscritta, vi augurano un Felicissimo Natale!

INGREDIENTI:
400 gr. di farina
180 gr. di miele
110 gr. di zucchero di canna
30 gr. di burro
2 cucchiaini di zenzero in polvere
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di bicarbonato
mezzo cucchiaino di sale
200 gr. di zucchero a velo
coloranti alimentari vari

Mettete il miele in una terrina con lo zucchero di canna, il burro tagliato a tocchetti piccoli e 75 ml. d' acqua fredda. Mescolate con una forchetta cercando di spezzettare il burro il più possibile.

Setacciate la farina insieme alle spezie, al bicarbonato ed al sale e versatela poco per volta nel composto, continuando a lavorare con la forchetta.

Continuate ad impastare per pochi minuti con le mani, poi avvolgete il composto nella pellicola e fatelo riposare in frigorifero per almeno 2 ore.


Stendetelo tra 2 fogli di carta da forno, portandolo ad uno spessore di mezzo cm. o poco meno. Ritagliate i vostri omini con gli appositi stampini ed infornate a 180° per 10-12 minuti e fate raffreddare.

Stemperate lo zucchero a velo in pochissima acqua aggiunta poco alla volta fino ad ottenere una glassa non troppo liquida, coloratela a piacere ed utilizzatela per decorare i vostri personaggi con l' aiuto di cornetti di carta o di una sac à poche con il beccuccio molto sottile.
Immagine tratta dal sito http://www.quintoenniolecce.it/index.php?page=alias

venerdì 16 dicembre 2011

PANDORO FARCITO ALLA CREMA DI MASCARPONE


Vi avverto: questa è una ricetta pericolosa. Ho iniziato col farne uno per i miei genitori e da allora ne ho dovuti preparare ogni anno sempre di più. Fatelo solo se siete pronti per le eventuali richieste perchè vi assicuro che l' anno prossimo vi toccherà organizzarvi con un sistema a catena di montaggio come faccio io!


INGREDIENTI:
1 pandoro classico
500 gr. di mascarpone
250 gr. di cioccolato fondente
150 gr. di zucchero
4 uova
2-3 cucchiai di cacao amaro
codette o palline di zucchero colorate

Montate i tuorli con lo zucchero fino a che non diventeranno chiari e spumosi. Aggiungete il mascarpone e mescolate bene.

Dividete la crema a metà, lasciatene una parte bianca e nell' altra aggiungete il cacao amaro.

Praticate nel pandoro 4 tagli in orizzontale. Mettete la base su un piatto grande rivestito di carta da forno, scavatela leggermente con le dita in modo che possa contenere più crema, metteteci qualche cucchiaio di crema scura ed adagiateci sopra la fetta di pandoro più grande, facendo combaciare bene i bordi.

Scavate leggermente anch' essa e metteteci un po' di crema chiara, proseguite così per gli altri 2 strati, alternando le creme.

Fate fondere il cioccolato a bagnomaria e, con l' aiuto di un pennello o di un cucchiaio, rivestite il pandoro. Decorate con le codette di zucchero, fate raffreddare e trasferite su un vassoio.

martedì 13 dicembre 2011

AMERICAN COOKIES


Io: "Amore mi devo comprare la formina per fare gli omini di pandizenzero, quelli di Shrek!"
Francesco: "Ma non mi piacciono."
Io: "Beh però non li ho mai fatti e quest' anno volevo provare. Vorrà dire che un po' li mangio io ed un po' li porto ai miei."
Francesco: "Ecco lo sapevo per me non c'è mai niente!"
Io: "E cosa vorresti?"
Francesco: "Hai presente quei biscotti grandi rotondi con le gocce di cioccolato che compro sempre al Blockbuster?"

INGREDIENTI:
225 gr. di farina
175 gr. di burro
150 gr. di gocce di cioccolato fondente
125 gr. di zucchero
50 gr. di farina di nocciole
2 uova
1 bustina di lievito vanigliato per dolci
1 pizzico di sale

Su una spianatoia, mescolate la farina bianca con la farina di nocciole, il sale, lo zucchero ed il lievito.

Unite il burro freddo di frigo tagliato a tocchetti e lavorate velocemente con le mani fino ad ottenere un composto "sabbioso".

Unite le uova e le gocce di cioccolato, amalgamate velocemente, formate delle palline poco più piccole di una pallina da ping pong e disponetele, ben distanziate tra loro, su una teglia rivestita di carta da forno.

Fate riposare in frigorifero per 30 minuti, quindi infornate a 180° per 20 minuti circa.

venerdì 9 dicembre 2011

RISOTTO CON SALMONE E SPUMANTE


Ultimamente non ho avuto a disposizione tutto il tempo che avrei voluto (e dovuto) dedicare al blog, non gli ho nemmeno preparato un dolcino per il suo compleanno! Che madre snaturata... :-) E' ora di rimediare, quindi cominciamo a pensare a cosa mettere in tavola per queste feste. Vi ricordo che tante altre idee (alcune verranno ripubblicate qui sul blog) le potete trovare nella mia rubrica La cucina di Valentina su Beautiful!
Per questa ricetta ho preso spunto dalla rivista Vero Cucina, ma l' originale prevedeva l' aggiunta del salmone solo a fine cottura, al momento di mantecare il risotto.

INGREDIENTI:
300 gr. di riso
150 gr. di salmone affumicato
50 gr. di burro
1 scalogno
1 bicchiere di spumante secco
sedano, carota e cipolla
erba cipollina
prezzemolo
sale
pepe

Preparate il brodo vegetale con sedano, carota e cipolla e salatelo. In alternativa, potete usare il brodo granulare di pesce.

Tritate finemente lo scalogno e fatelo rosolare a fuoco basso nel burro, tenendone da parte una noce per la mantecatura finale.

Tagliate il salmone a striscioline ed unitelo allo scalogno, proseguite la cottura finchè non sarà diventato più chiaro (ci vorrà pochissimo).

Unite il riso e fatelo tostare. Bagnate con lo spumante e lasciatelo evaporare, questa volta a fuoco vivo. Portate a cottura il risotto aggiungendo il brodo bollente un po' alla volta.

Spegnete il fuoco, aggiungete una noce di burro, l' altra metà del salmone, l' erba cipollina, il prezemolo ed il pepe e mescolate bene. Se necessario, aggiustate di sale e servite.

lunedì 5 dicembre 2011

MERINGATA AI MARRON GLACE'



Un' altra ricetta che il mese scorso è finita su Beautiful! per ricordarvi che da pochi giorni è on line il numero di dicembre, in cui festeggiamo il primo anniversario di questa fantastica rivista. Questo mese, come potrete immaginare, nella mia rubrica vi propongo un ricco menù Natalizio!


INGREDIENTI:
410 gr. di zucchero
200 gr. di albumi (circa 6-7)
200 gr. di marron glacé
400 ml. di panna
1 cucchiaino di succo di limone
1 pizzico di sale

Preparate la meringa all' italiana seguendo il procedimento che trovate qui.

Su delle teglie rivestite di carta da forno, formate con il composto due dischi delle stesse dimensioni e tante piccole meringhette. Lasciate asciugare in forno a 70° gradi. Serviranno circa 2 ore per le meringhette e 4 per i dischi. Lasciate raffreddare.

Montate la panna con i restanti 60 gr. di zucchero.

Componete il dolce mettendo su un piatto da portata un disco di meringa, alcuni marron glacé sbriciolati, un generoso strato di panna, un altro disco di meringa, altri marron glacé e la restante panna, avendo cura di distribuirla bene anche sui bordi.

Decorate con le meringhette intere o sbriciolate e con alcuni marron glacé interi.

lunedì 21 novembre 2011

7 PROJECT... PER IL COMPLEANNO DI NUVOLE DI PANNA!

Ringrazio di cuore Housewives di "Il piccolo ricettario" per l' invito a partecipare a questo gioco. Se lo avessi ricevuto da qualcun altro, sicuramente lei sarebbe stata una delle prime persone a cui avrei pensato per le "nomination", perchè il suo blog è davvero bello e lo seguo spessissimo!

Allora, comincio alla rovescia, facendo prima i miei sette nomi:

- Ylenia di "DOLCEmente SALATO" perchè è stata la mia prima sostenitrice!
- Anna di "La fame vien mangiando!" perchè è un po' amica e un po' mamma...
- "La cucina di Molly" perchè lascia sempre commenti carini alle mie ricette, anche se io purtroppo non ho tempo di fare altrettanto.
- "Arabafelice in cucina" perchè la ammiro molto e spero che un giorno il mio blogghino arrivi ad essere bello e seguito come il suo.
- Nicoletta di "Bread and butter" perchè nonostante il suo blog sia "di quelli che contano" non se la tira per niente!
- Vicky di "La pasticcioneria" perchè il primo contest che ho vinto (e finora l' unico!) l' ha organizzato lei.
- Noemi di "Trucco e dintorni". Anche se il suo non è un blog di cucina spero si possa fare... perchè è davvero un' amica e il suo bel blog meriterebbe più visibilità!

Ed ora i post...



Il post più popolare:
Forse perchè ho usato un prodotto di successo, questo post è immediatamente diventato il più visitato, con più del doppio delle visualizzazioni rispetto al secondo in classifica.




Il post più controverso:
Ero così felice di avervi dato un' idea per usare la carota nera, ma poi ho scoperto che nessuna di voi ne ha mai trovata una!




Il post che non ha avuto il successo che meritava:
Escludendo tutti i post dell' inizio della mia carriera di blogger, che ovviamente non hanno avuto la visibilità degli ultimi, scelgo questa pasta. Forse per via della foto bruttina, non se l' è filata nessuno, eppure era eccezionale: sapeva di mare, di sole, d' estate, di buono!




Il post di cui non mi aspettavo il successo:
Non è stato un piatto che ho apprezzato particolarmente perchè mangio poca carne ed ancor meno insalata, eppure è stato uno dei post più visitati del blog.




Il post di cui vado più fiera:
Il primo! Quello che ha dato vita a questo blog un anno fa, anche se è stato pubblicato per terzo. Senza una foto, senza un commento, senza una visualizzazione... ma fiero di essere se stesso!



Il post più bello:
Perchè è uno dei miei dolci preferiti e la foto è venuta così carina da essere diventata l' icona del blog e l' immagine della pagina Facebook!




Il post più utile:
Devo ancora scriverlo!
Ci sono mille ricette ancora da fare, mille idee da sperimentare, mille ingredienti da cercare, mille post da firmare!
E spero che tutti, per una cosa o per l' altra, vi possano essere utili!
Questo vuole essere anche un augurio al mio blogghino, che il 19 novembre ha compiuto un anno e che io, oberata di lavoro come sempre, non ho potuto festeggiare come si deve!

giovedì 17 novembre 2011

RAVIOLI RIPIENI DI PLATESSA E CAROTA NERA



Conoscevo già le proprietà delle carote nere: sapevo che, oltre ad essere ricche di vitamine, contengono anche gli antociani, ovvero gli stessi antiossidanti contenuti nei mirilli, e che quindi sono una manna contro i radicali liberi, la fragilità capillare, e per chi ha problemi di circolazione, però non ne avevo mai vista una dal vivo.

Foto tratta dal sito http://100scienze.it
Quindi quando le ho trovate a supermercato non ho potuto resistere e le ho comprate. Solo che non sapevo bene a quale piatto destinarle. Ne ho assaggiata una lessa, per farmi un' idea di che sapore avesse, ed ecco le prime scoperte: le carote nere, in realtà sono viola. E sanno di carote. Forse, hanno solo un retrogusto leggermente amaro rispetto a quelle classiche arancioni, ma è molto lieve: il sapore prevalente è quello dolciastro iniziale.

Visto che tutto sommato mi sono sembrate abbastanza delicate, ho deciso di accompagnarle a della platessa preparare dei ravioli. Questa volta, per ragioni di tempo, ho comprato il pesce già sfilettato. Se decidete di comprarlo intero, ricordatevi di aumentare la quantità, ed utilizzate le teste e le lische per preparare un fumetto nel quale cuocerete la pasta per renderla ancora più saporita.

INGREDIENTI:
300 gr. di farina
3 uova
250 gr. di filetti di platessa
250 gr. di carote nere
olio extravergine d' oliva
sale

Sbucciate le carote, tagliatele a fettine e cuocetele per circa 10 minuti a bagnomaria con un cucchiaino d' olio extravergine d' oliva.

Aggiungete i filetti di platessa, facendo bene attenzione che non siano rimaste delle lische, e proseguite la cottura per altri 2-3 minuti. Salate.

Disponete la farina a fontana su un tagliere, rompete al centro le uova e impastate. Fate riposare l' impasto avvolto nella pellicola trasparente per 20-30 minuti.

Formate i ravioli stendendo l'impasto in due sfoglie. Distribuite su una di esse dei mucchietti di ripieno, coprite con l'altra sfoglia, sigillate bene con le dita e tagliate i ravioli con una rotella tagliapasta.

Cuocete in acqua bollente salata per 3-4 minuti e condite a piacere. Per i ravioli nella foto ho usato semplicemente burro e salvia, con l' aggiunta di qualche fogliolina di menta.

mercoledì 9 novembre 2011

SFORMATINI AI FUNGHI DAL CUORE FILANTE


Ho conosciuto Francesca un paio di mesi fa su un forum di cucina. Chiedeva delle ricette per il suo web magazine, Beautilful!. Per lei  ho pensato a questo antipasto, che è finito sul numero di ottobre e che le è piaciuto tanto da propormi di pubblicare un intero menù ogni mese! Non potevo certo tirarmi indietro, quindi è con molto piacere che vi annuncio la nascita della mia rubrica "La cucina di Valentina". Mi trovate ogni mese su Beautiful!, insieme a tanti suggerimenti per abbellire la vostra casa curati da Angela, proposte moda, interviste e molto altro. Seguiteci! Grazie Francesca!


INGREDIENTI:
500 gr. di funghi champignon
100 gr. di Parmigiano o Grana grattugiato
80 gr. di Fontina d' Aosta
50 gr. di burro
200 ml. di panna
2 uova
sale
pepe
prezzemolo


Pulite i funghi e tritateli grossolanamente. Cuoceteli in una casseruola con il burro ed un po' di prezzemolo tritato fino a che tutta l' acqua che perderanno sarà completamente evaporata e salate.

Dividete i tuorli dagli albumi. In una scodella, sbattete i tuorli con la panna, unite il Parmigiano o Grana, salate e pepate. Unite i funghi, tenendone da parte un po' per decorare.

Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale ed incorporateli alla preparazione, mescolando delicatamente dal basso verso l' alto perchè non smontino.

Imburrate degli stampini monoporzione e versateci il composto, riempiendo per circa 3/4.

Tagliate la Fontina a cubetti non troppo piccoli ed immergetene uno al centro di ogni stampino.

Infornate a 200° per 10 - 15 minuti. Servite decorando il piatto con i funghi lasciati da parte ed una spolverata di prezzemolo.

martedì 25 ottobre 2011

VELLUTATA DI SEDANO


Lo so, è un piatto classico, non ho scoperto l' acqua calda. Però la vellutata di sedano non l' avevo mai assaggiata. Forse perchè ci si scervella sempre alla ricerca di piatti innovativi, mentre poi le cose più semplici sono davvero quelle più buone. Insomma, mi è piaciuta tantissimo!

INGREDIENTI:
800 gr. di sedano
200 gr. di patate
1 scalogno
4-5 foglie di menta
olio extravergine d' oliva
sale

Tagliate lo scalogno a fettine e fatelo soffriggere in olio extravergine d' oliva fino a che non si sarà imbiondito.

Unite il sedano tagliato a tocchetti, soffriggete ancora per qualche istante, poi aggiungete circa 2 litri d' acqua calda e le patate pelate e tagliate a cubetti.

Fate cuocere per circa un' ora, dopodichè passate tutto al passaverdure. Vi sconsiglio di usare il frullatore ad immersione perchè potrebbe rimanere qualche filino di sedano. Aggiustate di sale.

Spezzettate con le mani le foglie di menta ed aggiungetele alla vellutata. Continuate la cottura ancora per qualche minuto, in modo che la menta insaporisca la crema, o comunque fino a raggiungere la densità desiderata. Se, al contrario, dovesse risultare già troppo densa, aggiungete altra acqua.


Non sono mamma, e non ho in programma di diventarlo a breve, ma ho un fratellino (che però oggi è quasi più alto di me...), svariati cuginetti (di cui uno oggi è MOLTO più alto di me!) e delle meravigliose nipotine. Conosco bene il problema pappa, ragion per cui questa ricetta partecipa alla raccolta Pappami! Vita da mamma del blog La Pasticcioneria. Anche se, sia chiaro, questo piatto sarà molto apprezzato anche dai grandi...

giovedì 20 ottobre 2011

FILETTO DI MAIALE CON POMODORINI E MELOGRANO


Nonostante io non sia una grande consumatrice di carne (chi mi conosce sa che, ahimè, sono schiava del carboidrato!), ho trovato questo secondo veramente eccezionale. L' agrodolce dato dal melograno e dall' aceto balsamico smorzano leggermente il sapore del filetto, rendendo questo piatto adatto anche a chi non ama particolarmente la carne suina. E poi fa molto chic! ;)

INGREDIENTI:
500 gr. di filetto di maiale in un unico pezzo
300 gr. di pomodori Pachino
50 gr. di burro
1 melograno
1 cucchiaio di aceto balsamico
sale
pepe

Sbollentate i pomodorini per 5 minuti, fateli intiepidire e sbucciateli. Sgranate il melograno.

Insaporite il filetto di maiale con sale e pepe, dopodichè fatelo rosolare in una padella con il burro caldo, fino a che non si sarà formata la crosticina da ambo i lati.

Trasferite la carne in una teglia e proseguite la cottura in forno a 200° per altri 10 - 15 minuti.

Mettete i pomodori nella stessa padella dove avete rosolato la carne, cuocete per 2-3 minuti a fuoco vivace, aggiungete il melograno e l'aceto balsamico, aggiustate di sale e cuocete ancora un minuto.

Scaloppate il filetto, disponetelo su un piatto da portata, mettete accanto i pomodorini ed il melograno e versateci sopra il sughetto ottenuto.


Questo piatto partecipa al contest di Cucina di Barbara, Get an Aid in the kitchen.

domenica 9 ottobre 2011

GNOCCHI DI FARINA DI CECI CON FONDUTINA DI CACIOTTA




Vi metto la foto degli gnocchi crudi solo se promettete di non fare caso alla "rigatura"! Che non si vede, ma giuro che c'è!


Scherzi a parte, stamattina a casa mia c' erano i pinguini, quindi mi è sembrato il momento giusto per sperimentare questi gnocchi di farina di ceci che avevo in mente già da qualche giorno. Il risultato mi è piaciuto molto: rimangono morbidi e non hanno un sapore troppo aggressivo, ma hanno quel qualcosa "in più" che li rende adatti a condimenti importanti, come in questo caso la fondutina, o magari un sugo ai funghi.

Con l' occasione, ho anche cominciato ad usare i prodotti che IN.AL.PI mi ha inviato qualche giorno fa. Oggi è stato il turno della caciotta, che si è rivelata davvero all' altezza delle aspettative!

INGREDIENTI:
1 kg. di patate
200 gr. di farina di ceci
100 gr. di farina bianca 00
200 ml. di panna
200 gr. di caciotta IN.AL.PI.
1 uovo
sale

Lessate le patate con la buccia fino a che, forandole con una forchetta, non sentirete che sono morbide all' interno. Lasciatele intiepidire, sbucciatele e schiacciatele con lo schiacciapatate.

Setacciate insieme le due farine. Mettetele su una spianatoia, formate una fontana e mettete al centro le patate ed un pizzico di sale. Impastate. Formate dei salsicciotti e poi tagliateli a tocchetti. Strisciate gli gnocchi sui rembi di una forchetta per rigarli. Per fare tutte queste operazioni, aiutatevi con altra farina bianca per non far attaccare l' impasto.

In un pentolino, fate scaldare la panna e versateci la caciotta IN.AL.PI tagliata a cubetti molto piccoli mescolando. Appena il formaggio sarà fuso, aggiungete un tuorlo d' uovo, mescolate rapidamente, aggiustate di sale e togliete dal fuoco.

Cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata, scolateli e metteteli in un piatto da portata. Versateci sopra la fondutina e servite.

martedì 4 ottobre 2011

MERINGA ALL' ITALIANA


Questo post apre ufficialmente la sezione "Scuola di Pasticceria". Era da tempo che ques' idea si era insinuata nella mia testa: che bello avere  disposizione tutte le ricette delle basi più comuni, e poterle mettere insieme come e quando ci va!

Solo che io potevo mai iniziare con una cosa normale tipo  pan di spagna o crema pasticcera? No, quindi oggi si parte con la sopravvalutata meringa. Sopravvalutata non perchè non sia buona, tutt' altro, ma perchè è credenza comune che non sia semplice da fare. Non è vero! Richiede solo una cottura, o meglio un' asciugatura, molto lunga.


INGREDIENTI:
200 gr. di albumi (circa 6-7)
350 gr. di zucchero
1 cucchiaino di succo di limone
1 pizzico di sale

Montate gli albumi per 5 minuti con un pizzico di sale.

Unite il succo di limone e montate per altri 5 minuti.

Continuate a montare, aggiungendo lo zucchero poco per volta, per almeno altri 10 minuti.

Trasferite il composto in una sac à poche e formate le meringhe su una teglia rivestita di carta da forno.

Fate asciugare in forno a 70°. Il tempo può variare dalle 2 alle 4 ore in base alle dimensioni delle vostre meringhe: vi accorgerete che sono pronte quando il fondo non sarà più morbido al tatto.

venerdì 30 settembre 2011

FAGIOLI ALLA PAPRIKA E BIRRA


Qualche giorno fa ho preparato il pollo alla birra (clicca qui per leggere la ricetta), ma non volevo accompagnarlo alle solite patate. Ho cercato ispirazione su internet ed  ho letto diversi commenti che dicevano che i fagioli stanno particolarmente bene con questo piatto. Così ho deciso di provarli, cucinandoli quasi allo stesso modo della carne. Vi basterà preparare un po' di soffritto in più ed il gioco è fatto!

INGREDIENTI:
200 gr. di fagioli bianchi di Spagna precotti
150 ml. di birra
paprika forte
sedano
carota
cipolla
olio extravergine d' oliva
sale

Preparate un trito di sedano, carota e cipolla e fatelo soffriggere con un filo d' olio extravergine d' oliva.

Versate i fagioli sgocciolati, aggiungete la paprika e salate. Fate cuocere qualche minuto.

Aggiungete la birra e proseguite la cottura finchè non sarà evaporata.

lunedì 26 settembre 2011

POLLO ALLA BIRRA


Ecco la mia versione di questa ricetta che ormai tutti almeno una volta hanno preparato. Difficilmente io utilizzo il pollo intero, anche perchè in casa siamo in due. Nella mia versione ci sono quindi solo le cosce, ma potete usare le parti che più vi piacciono.

L' unica raccomandazione che ho da farvi è di non utilizzare una birra economica pensando che tanto serve solo per cucinare: io devo ammettere che a volte col vino lo faccio (chef che state leggendo fate finta di non aver capito!), ma in questo caso non conviene perchè rischiate che il risultato sia amarissimo. Via libera quindi a Moretti o Nastro Azzurro, che oltre ad essere due grandi birre italiane (ed ogni tanto un po' di sano patriottismo non fa male), sono le mie preferite proprio perchè poco amare.

INGREDIENTI:
4 cosce di pollo
500 ml. di birra
farina
sedano
carota
cipolla
olio extravergine d' oliva
sale

Preparate un trito grossolano di sedano, carota e cipolla e fatelo soffriggere in una padella antiaderente con abbondante olio extravergine di oliva.

Togliete la pelle alle cosce di pollo e praticate su ciascuna due o tre fori con un coltello, per favorire la cottura all' interno. Infarinatele ed adagiatele nella padella. Salatele e fatele dorare da entrambi i lati.

Versate nella padella la birra a temperatura ambiente, poco alla volta altrimenti rischiate che faccia troppa schiuma e fuoriesca. Fate cuocere a fiamma moderata.

Quando la birra sarà evaporata, adagiate il pollo su un piatto da portata, frullate il sughetto (o passatelo al passaverdure), versatelo sulla carne e servite.

Cliccate qui per leggere la ricetta dei Fagioli alla paprika e birra, l' ottimo contorno che vedete nella foto!

domenica 18 settembre 2011

OMELETTE FANTASIA



INGREDIENTI:
500 gr. di piselli
50 gr. di Parmigiano o Grana grattugiato
4 uova
2 carote
2 sottilette
1 patata
1 cipolla piccola
olio extravergine d' oliva
sale
pepe

Lessate i piselli con la cipolla per 15 minuti. Eliminate l' acqua in eccesso e frullateli (oppure passateli con il passaverdure). Aggiustate di sale.

Pelate le carote e la patata, tagliatele a listarelle e saltatele in una padella antiaderente con un filo d' olio extravergine d' oliva e sale per 5 - 10 minuti, in base allo spessore della verdura.

Fate scaldare una padella antiaderente di circa 24 - 26 cm. di diametro, in modo da poter ottenere un' omelette grande ma sottile, ungendola leggermente.


Intanto, in una scodella, sbattete le uova con sale, pepe e Grana o Parmigiano. Versatele nella padella e cuocete l' omelette da entrambi i lati.

Posizionatela su una teglia, spalmateci sopra la crema di piselli, mettete poi le sottilette, le verdure a listarelle ed arrotolate il tutto.

Passate in forno caldo per circa 5 minuti, il tempo necessario a fondere il formaggio, tagliate a fette e servite decorando con un po' di crema di piselli e di verdure saltate.

domenica 11 settembre 2011

CREMA CHANTILLY AL CAFFE'


E' terminato il sondaggio che vi avevo proposto in merito alla ricerca delle ricette per ingrediente. C'è stata meno partecipazione di quello che mi aspettavo, perciò a maggior ragione un sentito ringraziamento va a coloro che, rispondendomi, mi hanno aiutato e mi aiuteranno a rendere questo blog, nel suo piccolo, migliore. I risultati, se vi va, li potete leggere cliccando qui.

E mentre anch' io me li "studio" e rifletto sul da farsi, mi gusto questa bella cremina di caffè piu' buona di quella del bar!

INGREDIENTI:
200 ml. di panna da montare
120 gr. di zucchero
10 gr. di fecola di patate
2 uova
latte
caffe'
topping pronto al cioccolato
gocce di cioccolato fondente

Montate i 2 tuorli con 80 gr. di zucchero, quando saranno chiari e spumosi aggiungete la fecola e montate ancora per pochi secondi.

Preparate il caffè in una moka da 4 o 5 tazze. Deve risultare bello corposo, non troppo leggero. Versatelo in un pentolino ed aggiungete latte fino ad ottenere in totale 200 ml. di liquido.

Portate il caffelatte ad ebollizione, abbassate la fiamma e versateci i tuorli montati. Dopo qualche secondo, iniziate a mescolare con una frusta. Fate cuocere 1 minuto sempre mescolando, togliete dal fuoco e lasciate raffreddare in frigorifero.

Montate la panna con i restanti 40 gr. di zucchero, tenetene da parte 4 cucchiai ed incorporate il resto nella crema al caffè, mescolando delicatamente dal basso verso l' alto perchè non smonti.


Componete i bicchieri mettendo sul fondo un pò di topping al cioccolato, poi un cucchiaio di panna montata, infine la crema al caffè. Decorate con qualche goccia di cioccolato fondente.


Anche questa ricetta partecipa al contest "Ricette fredde per l' estate" di Vaniglia, Zenzero e Cannella, perchè diciamoci la verità, chi è che, anche d' estate, rinuncia al caffè?

domenica 4 settembre 2011

COUS COUS VEGETARIANO


Abbandonata a malincuore la grafica estiva con quel meraviglioso mare limpido sullo sfondo, approfitto di questi ultimi scampoli di bella stagione (anche se per la verità a Torino ha piovuto tutto il giorno) per postarvi un' altra ricetta fredda. Un cous cous vegetariano che vi costerà quasi niente in termini sia di tempo che di denaro ma che sarà assolutamente all' altezza delle vostre aspettative.

INGREDIENTI:
250 gr. di cous cous precotto
200 gr. di ceci in scatola
2 peperoni
2 zucchine
1 melanzana
1 noce di burro
mezzo dado da cucina
olio extravergine d' oliva
sale

Arrostite i peperoni nel forno, lasciateli raffreddare, spellateli, eliminate i semini interni e tagliateli a quadratini.
 
Lavate e tagliate a cubetti le zucchine e la melanzana e cuoceteli in una padella antiaderente con un filo di olio extravergine d' oliva e sale finchè non saranno ben appassiti.
 
Preparate 300 ml. di brodo con mezzo dado da cucina.
 
Mettete il cous cous in una terrina capiente, versateci il brodo bollente, aggiungete una noce di burro e lasciatelo gonfiare, coperto, per 4-5 minuti, sgranandolo di tanto in tanto con una forchetta.
 
Aggiungete le verdure ed i ceci sgocciolati. Mescolate bene, se necessario aggiustate di sale, lasciate raffreddare ed insaporire per almeno un paio d' ore e servite.
 

Con questa ricetta partecipo al contest "Ricette fredde per l' estate" di Vaniglia, Zenzero e Cannella.

giovedì 1 settembre 2011

INSALATA CON POMODORINI, MAIS E SURIMI


Su su non storcete il naso... Lo so che come si prepara un' insalata lo sapete tutti. E d' altro canto gli ingredienti sono tutti nel titolo, quindi potrei anche evitare di scrivere oltre. Ma questo è pur sempre un blog di cucina, quindi questa sfiziosa e colorata insalata ve la voglio presentare come si deve.

INGREDIENTI:
1 cespo di insalata iceberg
200 gr. di pomodori datterini
200 gr. di surimi
150 gr. di mais in scatola
olio extravergine d' oliva
sale

Lavate l' insalata e sminuzzate le foglie, lavate i pomodorini e tagliateli in 2 o 4 parti in base alle dimensioni. Tagliate a rondelle i surimi e sgocciolate il mais.

Unite tutti gli ingredienti in un' insalatiera e condite con sale, olio extravergine d' oliva e, se volete, limone.

lunedì 29 agosto 2011

RIGATONI FREDDI CON CREMA DI PROSCIUTTO COTTO E PHILADELPHIA


Nonostante la mazzetta richiesta qualche settimana fa ai rami alti della Kraft ;-) non sia mai arrivata (leggi qui per sapere di cosa sto parlando), rieccomi a parlarvi di Philadelphia.
Questa volta si tratta di quello classico, che è diventato, insieme al prosciutto, una deliziosa cremina per questa pasta fredda, da preparare con largo anticipo così ha tutto il tempo di insaporirsi in frigorifero.

Mi scuso per la penosità della foto. Ho avuto qualche problema con la fotocamera. Ora l' ho risolto (o meglio l' ha risolto il maritino...), ma ho ancora qualche foto brutta da postare quindi dovrete pazientare ancora per le prossime 2 o 3 ricette. Vi assicuro comunque che il sapore era buonissimo!

INGREDIENTI:
5OO gr. di rigatoni
250 gr. di Philadelphia classico
200 gr. di caciocavallo
150 gr. di prosciutto cotto
2 peperoni
prezzemolo
olio extravergine d' oliva
sale

Arrostite i peperoni nel forno, lasciateli raffreddare, spellateli, eliminate i semini interni e tagliateli a quadratini.

Lessate la pasta in abbondante acqua salata e scolatela al dente.

Nel frattempo, frullate per qualche secondo il Philadelphia con il prosciutto cotto, del prezzemolo fresco ed un po' d' olio extravergine d' oliva. Raccogliete la crema in una ciotola capiente e, quando la pasta sarà cotta, versatecela, eventualmente aggiustate di sale e mescolate bene.

Aggiungete i peperoni e mettete in frigo. Quando la pasta si sarà raffreddata, aggiungete il caciocavallo tagliato a cubetti e rimettete in frigo fino al momento di servire.


Con questa ricetta partecipo al contest di Menta Piperita, "L' estate è servita". Solo per la sezione delle ricette, perchè onestamente per quanto riguarda la fotografia mi auto-elimino! :-p